Registrati su SNAI

UEFA Euro 2020: le squadre nel girone della Nazionale italiana

I Campionati Europei del 2020 saranno un evento unico nel proprio genere, non solo la massima espressione del calcio a livello di competizioni nazionali ma anche il 60° anniversario degli Europei. Per questo motivo la 16a edizione, quella del 2020, si terrà in ben 12 città europee invece che in un solo stato. La parte migliore per i tifosi azzurri è che la Nazionale avrà l’onore di partecipare a questa grande kermesse.

La composizione della fase finale del torneo però, quella che si terrà a giugno 2020, non è ancora stata definita, mancano infatti i nomi delle 24 squadre che vi prenderanno parte. Ovviamente dai giorni di qualificazione sono già emerse delle chiare favorite, tra cui l’Italia, ma manca ancora l’ufficialità.

Tra il 14 e il 19 novembre 2019 si disputeranno le ultime partite dei gironi di qualificazione e si conosceranno le prime squadre a passare direttamente alla fase finale, poi il 22 novembre 2019 saranno sorteggiati gli spareggi tra le migliori terze dei gironi. Si procederà, infine, al sorteggio dei gironi che si terrà il 30 novembre 2019 a Bucarest, data nella quale anche l’Italia scoprirà quali saranno le future 3 avversarie che incontrerà nel girone di UEFA Euro 2020.

Hai già un’idea su chi sarà la favorita del torneo? Allora corri a piazzare la tua scommessa antepost su SNAI.it, non devi fare altro che iscriverti con un regolare account e potrai approfittare di tutte le quote offerte dal più grande bookmaker italiano. Scommesse classiche, live, combo, tutto disponibile sul sito di SNAI.it e anche sull’app scaricabile direttamente dal sito.

Il girone di qualificazione a UEFA Euro 2020

In termini di ranking, sia UEFA che FIFA, l’Italia è stata piuttosto fortunata nell’aver incontrato nel girone di qualificazione a Euro 2020 tutte squadre più in basso in classifica, quindi statisticamente più deboli. Certo nel calcio le incognite sono sempre dietro l’angolo anche per le squadre più forti, ma l’Italia ha saputo portare a casa il risultato. Il girone degli azzurri era così composto: ITALIA, Finlandia, Armenia, Bosnia-Erzegovina, Grecia, Liechtenstein.

Bisogna ricordare però che l’Italia veniva da una mancata qualificazione ai mondiali, seppur maturata in un girone più complesso di quello appena descritto. L’evento, uno dei punti più bassi della storia calcistica tricolore, portò all’esonero dell’allenatore Giampiero Ventura, poi sostituito dall’attuale CT Roberto Mancini. Quindi una nuova guida tecnica unita alla coda lunga della delusione per un mondiale guardato alla tv avrebbero potuto rappresentare un problema per il nuovo corso della Nazionale. Per fortuna questo rischio è stato schivato e le buone prestazioni nel girone di qualificazione a Euro 2020 hanno portato nuovo entusiasmo a tutto l’ambiente.

Resoconto Euro 2016: l’Italia e il girone E

L’Italia, all’epoca allenata da Antonio Conte, incontrerà nel girone E dell’europeo francese del 2016 il Belgio, la Svezia e l’Irlanda. La nazionale belga, all’epoca allenata da Marc Wilmots, aveva ben figurato nel girone di qualificazione precedente il torneo: 7 vittorie, 2 pareggi e 1 sola sconfitta (0-1 esterno, sul campo del Galles, altra sorpresa di questa edizione), con un cammino quasi netto in casa, avendo sotterrato di reti Bosnia (3-1), Israele (3-1), Cipro (5-0) e Andorra (6-0), col solo pareggio a reti bianche concesso ai “soliti” gallesi, rivelatisi le bestie nere dei giocatori fiamminghi e valloni. Nonostante questo però l’Italia di Conte però, anche se da sfavorita, fu in grado di imporvisi con un secco 2-0 che ribaltò il pronostico e lanciò gli azzurri come outsider del torneo.

La seconda sfida avvenne contro la Svezia di Zlatan Ibrahimović. Gli scandinavi avevano trovato l’accesso alla fase finale solo attraverso lo spareggio con la Danimarca, eppure a queste due squadre è legato un brutto ricordo per i tifosi azzurri: il celebre “biscotto” del 2004. Anche Ibra e co. però furono sconfitti con gol di Eder al minuto 88, servendo la vendetta perfetta agli avversari. Infine ci fu il match con l’Irlanda, quando la qualificazione era ormai già stata raggiunta. Un’Italia meno concentrata e con molte riserve in campo fu sconfitta dall’undici allenato da O’Neill, ma fu una sconfitta dolce che non compromise il cammino degli azzurri in quella competizione.