Registrati su SNAI

La storia degli Europei di calcio

Euro 2020 sarà la sedicesima edizione di un trofeo nato sessant’anni or sono e che, nel tempo, ha registrato evidenti cambiamenti strutturali che hanno accompagnato la vorticosa evoluzione del calcio continentale. Dalla fase finale con sole quattro partecipanti (tra 1960 e 1976) al campionato a otto squadre inaugurato in Italia nel 1980 (sino a Svezia 1992), dalle sedici contendenti di Inghilterra 1996 sino all’allargamento a ventiquattro formazioni che ha caratterizzato l’ultima kermesse europea disputata in Francia nel 2016 e che sarà riproposta nei prossimi europei del 2020.

Il paese transalpino detiene il record di tornei ospitati, ben tre: il primo è corrisposto anche alla prima edizione degli europei, quella del 1960 vinta dall’URSS, poi ci sarà quella del 1984 che laureò campioni i Bleus capitanati da Michel Platini e che rappresenta, per i galletti, la prima affermazione in ambito internazionale, infine l’ultima edizione del 2016 persa dalla Francia in finale con il Portogallo. In due occasioni, il torneo si è svolto in Italia, a distanza relativamente ravvicinata: nel 1968 furono proprio gli Azzurri di Valcareggi ad avere la meglio su URSS e Jugoslavia, mentre dodici anni più tardi, nel 1980, gli uomini di Bearzot si fermarono alle semifinali, lasciando che il Belgio contendesse, senza successo, il titolo ai futuri campioni della Germania Ovest.

Hanno invece ospitato una sola edizione Spagna, Belgio, Jugoslavia, Germania Ovest, Svezia, Inghilterra e Portogallo, oltre alle tre volte in cui l’organizzazione è stata assegnata a due nazioni, ossia Belgio e Olanda (2000), Austria e Svizzera (2008) nonché Polonia e Ucraina (2012).

UEFA Euro 2020: un torneo che entrerà nella storia

L’edizione 2020 degli europei è già destinata a entrare nella storia considerato che sarà quella del 60° anniversario del torneo, un’occasione celebrata con una variazione speciale rispetto al solito: 12 paesi ospitanti in luogo di uno soltanto, 12 città con stadi importanti che ospiteranno almeno 3 partite dei gironi a testa, con gran finale al Wembley di Londra.

Anche la SNAI è pronta per l’occasione, non potrebbe essere altrimenti per il bookmaker più quotato d’Italia, hai solo bisogno di registrare un regolare account e potrai approfittare delle quote scommesse su ogni aspetto dell’evento, dalla somma dei cartellini gialli dei singoli match alle scommesse antepost sulla vittoriosa dell’europeo.

Albo d’oro Campionati Europei di calcio

Per quello che concerne l’albo d’oro, due squadre hanno vinto per tre volte il titolo: la Spagna (1964, 2008 e 2012) e la Germania (1972, 1980 e, da nazione unificata, 1996). Due vittorie sono andate ai francesi (1984 e 2000), mentre un successo è stato colto da URSS (1960), Italia (1968), Cecoslovacchia (1976), Olanda (1988), Danimarca (1992), Grecia (2004) e dal Portogallo nell’ultima edizione del 2016 trionfale per i lusitani. Nei piazzamenti, sono ancora i tedeschi a farla da padroni: otto in totale, con tre finali e due terzi posti, oltre alle tre vittorie. La Germania è giunta in semifinale anche nel 2016 ma, ricordiamolo, con la formula introdotta da questa recente edizione è stata soppressa la finalina per il terzo e quarto posto da disputare tra le due eliminate alle semifinali.

Infine, parlando di marcatori, la storia degli Europei incorona ancora Michel Platini, campione con la Francia nel 1984, che, con nove reti in sole cinque presenze, può vantare un record assai invidiabile anche per la media di realizzazione considerate le sole 5 presenze alla fase finale del torneo. Le Roi, però, è stato raggiunto nel 2016 da Cristiano Ronaldo che ha totalizzato lo stesso numero di segnature, seppur con un numero di presenze decisamente superiore: 21. Il portoghese ha ancora la possibilità di superare il francese considerato che si tratta di un calciatore ancora in attività.

Di seguito i primi cinque cannonieri di ogni tempo nella manifestazione:

Le squadre vincitrici agli Europei di calcio: la storia dell'Italia

La Nazionale italiana è riuscita a conquistare il titolo di Campione d'Europa in un'unica occasione, nel 1968, quando il torneo, alla sua terza edizione, si tenne proprio nello Stivale. Le partite degli Europei del 1968, disputate presso lo Stadio Comunale di Firenze, lo Stadio San Paolo di Napoli e lo Stadio Olimpico di Roma, videro la partecipazione di 4 formazioni: URSS, Inghilterra, Jugoslavia e, per l'appunto, Italia.

Gli Azzurri riuscirono a conquistare il titolo e l'ambita Coppa Henri Delaunay (dal nome del primo segretario generale della UEFA e fautore dell'idea di un torneo per le nazionali europee) al termine del match disputato contro la Jugoslavia il 10 giugno a Roma. L'incontro era in realtà una ripetizione della finale dell'8 giugno, conclusasi con un pareggio dal momento che il regolamento dell'epoca non prevedeva la possibilità dei tiri di rigore. Trattandosi della sola finale disputata due volte, la partita che assegnò la vittoria agli italiani rimane un evento unico nella storia degli Europei di calcio.

La finale venne aggiudicata grazie alle reti segnate da due grandi nomi del calcio italiano: Luigi “Gigi” Riva, che mise a segno un gol a soli 12 minuti dall'inizio della partita, e Pietro Anastasi, che al 31° minuto calcio la palla della vittoria. La formazione degli Europei del 1968 entrò di diritto nella storia del calcio tricolore oltre che nel cuore di milioni di tifosi e, due anni più tardi, sfiorò la vittoria contro il fortissimo Brasile di Pelè nei Mondiali di Messico 1970.

La Nazionale italiana ha sfiorato la possibilità di tornare ancora una volta tra le vincitrici degli Europei di calcio solo nel due volte: nel 2000, quando perse la finale contro la Francia per 2 a 1 e nell'ultima edizione, quella del 2012, quando venne sconfitta dai campioni in carica, gli spagnoli, con un pesante 4 a 0.

Il Campionato europeo di calcio del 2020 potrebbe vedere gli Azzurri tornare ai vertici del calcio internazionale, sorprendendo rivali e tifosi con delle performance superiori alla attese in considerazione delle buone prove offerte nel corso delle qualificazioni, sicuramente un segnale molto positivo, nonché la dimostrazione dell'ottimo lavoro svolto dal commissario tecnico Roberto Mancini. Nella sezione dedicata alle scommesse sportive del portale di SNAI sono presenti tutte le quote aggiornate per i match previsti nel calendario degli Azzurri e non solo.

Resoconto del Campionato europeo di calcio del 2012

L’edizione 2012 degli Europei di calcio si è tenuta tra Polonia e Ucraina e ha visto trionfare la Spagna con la vittoria conseguita nella finale del 1o luglio, giocata nello Stadio Olimpico di Kiev contro l'Italia. In quell'occasione, gli spagnoli, già detentori del titolo, conquistarono la loro terza vittoria del Campionato europeo, eguagliando il primato della Germania.

Euro 2012 è stata l'ultima edizione alla quale hanno preso parte solo 16 nazionali: a partire dall'edizione del 2016, infatti, il numero è stato ampliato a 24. Le partite disputate furono in tutto 31, suddivise negli 8 stadi polacchi ed ucraini selezionati per l'occasione. In totale, i biglietti venduti per assistere agli incontri furono 1.440.846, ovvero tutti quelli disponibili: stando ai dati rivelati dalla UEFA, la domanda effettiva sfiorò le 12 milioni di richieste. Slavek e Slavko, le mascotte ufficiali di Euro 2012 (due giocatori vestiti, rispettivamente, con i colori della divisa della Polonia e dell'Ucraina) hanno portato fortuna alle due federazioni impegnate nell’importate organizzazione della kermesse continentale.

Curiosità sulla storia degli Europei di calcio

Nel corso delle 15 edizioni sino ad oggi disputate degli Europei di calcio e dei 60 anni della loro storia sono molti i fatti interessanti o semplicemente curiosi che si sono consumati sui rettangoli di gioco ma anche attorno a questa importante competizione internazionale, spesso unendo vicende sportive ad eventi politici e piccole rivoluzioni sociali e culturali.

La primissima edizione, quella del 1960, vide la vittoria a tavolino dell'URSS contro la Spagna ai quarti di finale, perché il generale Franco, allora dittatore spagnolo, diede precise disposizioni ai dirigenti sportivi iberici di non presentarsi all'incontro, per motivazioni puramente politiche.

La vittoria dell'Italia agli Europei del 1968 fu dettata in parte anche dalla pura fortuna: la semifinale giocata contro l'URSS si concluse con un pareggio ai tempi supplementari e, non essendo prevista l'opzione dei rigori, la vittoria venne assegnata con il lancio di una moneta. Fu grazie alla scelta fortunata del capitano Facchetti (che optò per testa) che gli Azzurri poterono disputare il match contro la Jugoslavia e guadagnarsi la vittoria.

Il capocannoniere degli Europei di calcio, ovvero il giocatore che ha segnato il maggior numero di reti nel corso della medesima edizione, rimane Michel Platinì, che nel 1984 guidò la Francia alla vittoria con ben 9 gol in sole 5 partite disputate detenendo, di fatti, anche il record per la media gol che sarà ben più difficile da superare rispetto al numero di segnature assolute che è insidiato da calciatori ancora in attività quali Ronaldo e Griezmann.

 

  • Michel Platini (Francia) 9 reti in 5 partite
  • Cristiano Ronaldo (Portogallo) 9 reti in 21 partite
  • Alan Shearer (Inghilterra) 7 reti in 9 partite
  • Antoine Griezmann (Francia) 6 reti in 7 partite
  • Ruud van Nistelrooy (Olanda) 6 reti in 8 partite